14 ottobre

30.4.08

Cartoniadi: Torneo d'Abruzzo


Dal 1° al 31 maggio nove comuni abruzzesi, tra cui Giulianova e Roseto degli Abruzzi, partecipano alle olimpiadi della raccolta differenziata di carta e cartone, indetta da COMIECO - Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi a base cellulosica - e la Regione Abruzzo.
Dopo il successo dell'edizione 2006, che vide vincere la città di Teramo, quest'anno saranno coinvolte Avezzano, Francavilla al Mare, Giulianova, Lanciano, Montesilvano, Ortona, Roseto degli Abruzzi, Sulmona e Vasto ed i gestori della raccolta Aciam, C.I.R.S.U. - Sogesa, Cosvega, Ecoemme, Ortona Ambiente e Pulchra Ambiente.
La gara coinvolgerà oltre 250.000 cittadini e consisterà nel raccogliere in maniera differenziata più carta, cartone e cartoncino.
I Comuni che raccoglieranno più carta, cartone e cartoncino, si aggiudicheranno il montepremi in palio che verrà destinato alla realizzazione di opere ed iniziative di riqualificazione del territorio.
L'edizione 2006 portò a risultati strepitosi: durante la gara, infatti, l'incremento della raccolta differenziata di carta e cartone nei quattro comuni che furono coinvolti (L'Aquila, Pescara, Chieti e Teramo) fu del 100% e nella fase post-gara l'incremento si consolidò sul 23%.
Tutte le informazioni sul sito www.cartoniadi.it/abruzzo2008 .

26.4.08

Agricoltura sostenibile e natura

Oggi, durante una conferenza stampa svoltasi a Pescara per illustrare i risultati finali di un progetto cofinanziato dalla Commissione Europea, il WWF ha presentato il documentario naturalistico “La Politica Agricola Comunitaria nelle Aree naturali protette”, girato dal giovane documentarista Alessandro Di Federico. Trenta minuti di straordinarie immagini di animali, piante ed attività agricole raccontano la ricchissima biodiversità che vive nelle oasi del WWF anche grazie ad un’agricoltura di qualità a basso impatto ambientale.
“Con le bellissime immagini ed gli emozionanti suoni della Natura delle Oasi del WWF siamo sicuri di colpire l’immaginario dei cittadini su un tema strategico per una gestione sostenibile del territorio", ha dichiarato Maria Serena Manco, una delle coordinatrici del progetto. "Abbiamo condotto una vera e propria campagna d’informazione sulla politica agricola comunitaria e sul ruolo che può avere il mondo rurale per la salvaguardia della biodiversità attraverso un uso corretto dei fondi europei in arrivo per il periodo 2007-2013. Grazie alle due attività previste dal progetto, il documentario e la Carovana della Biodiversità, evento che la scorsa estate ha toccato le cinque aree protette aderenti al progetto, abbiamo incoraggiato gli agricoltori ed i tecnici del settore agro-forestale ad applicare pratiche agricole sostenibili sensibilizzato l’opinione pubblica sui numerosi vantaggi legati all’applicazione del nuovo modello agricolo europeo in termini di qualità delle produzioni alimentari, di rispetto ambientale e sviluppo economico. Le prime proiezioni del documentario nelle scuole e durante alcuni eventi hanno suscitato un forte interesse”.
Per il WWF ora si tratta di applicare concretamente questi principi attraverso il corretto uso delle risorse previste dal Piano di Sviluppo Rurale della Regione Abruzzo. Centinaia di milioni di Euro disponibili fino al 2013 dovranno essere usati per sostenere l’agricoltura della Regione e la tutela della Biodiversità.
Secondo l’Associazione le Oasi hanno già sperimentato ed applicato concretamente gli interventi richiesti dall’Unione Europea. Le Oasi del WWF stanno recuperando antiche razze animali, come la gallina nera atriana, una particolarissima razza descritta per la prima volta da Plinio e ora riscoperta e tutelata dall’Oasi dei Calanchi di Atri. Nel giardino botanico dell’Oasi delle Gole del Sagittario sono ospitate centinaia di specie alcune delle quali progenitrici delle piante utilizzate in agricoltura. Con un progetto innovativo si stanno producendo piante spontanee appenniniche che possono essere usate per florovivaismo. L’Oasi WWF del Lago di Penne è probabilmente l’esempio più riuscito nel coniugare agricoltura e difesa della Natura, con un’azienda agricola biologica che produce, trasforma e vende tanti prodotti alle migliaia di turisti che visitano l’Oasi.
Per il WWF questi sono esempi concreti e di successo che dovrebbero essere replicati su porzioni del territorio più vaste ed in particolare nei Siti di Interesse Comunitario e nelle Zone di protezione Speciale della rete Natura 2000, per i quali è urgente redigere i relativi Piani di Gestione.
Il progetto ha visto come capofila il Comune di Atri con la Riserva regionale – Oasi WWF dei Calanchi di Atri e partner il Comune di Anversa degli Abruzzi (AQ) con la Riserva regionale Gole del Sagittario, il Comune di Borrello (CH) con la Riserva regionale Cascate del Verde, il Comune di Penne (PE) con la Riserva Regionale del Lago di Penne, ed il Comune di Jesi (AN) con la Riserva regionale Ripa Bianca.
Hanno concesso il patrocinio all’iniziativa la Regione Abruzzo, la Regione Marche e la Provincia di Ancona.

25.4.08

Buon 25 aprile a tutti!


Seminari sulle aree marine protette

Il Consorzio di Gestione dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano, insieme all'AIDAP (Associazione Italiana Direttori Aree Protette), organizza due seminari di alta formazione:
mercoledì 4 giugno 2008 - Aree protette marine e costiere: Natura 2000 e finanziamenti Unione Europea;
giovedì 5 giugno 2008 - Pianificazione delle aree protette costiere e marine.
Entrambi i seminari si svolgono a Pineto (Te) nella prestigiosa sede di Villa Filiani e sono previsti anche incontri tra i responsabili delle Aree Protette marine e costiere italiane in vista del Quarto IUCN-WCC di Barcellona (Spagna).
Ogni seminario è riservato ad un massimo di 30 iscritti.
Informazioni: http://www.aidap.it/.

19.4.08

Detersivi alla spina: a Roma è boom!

La distribuzione di detersivi alla spina è una delle attività che si possono mettere in campo per la riduzione dei rifiuti: il consumatore si porta da casa un contenitore che può riutilizzare più volte e così facendo, invece di acquistare imballaggi (che deve poi smaltire), paga soltanto il prodotto di cui ha bisogno, con un risparmio economico ed ambientale.
Ormai esperienze di questo tipo sono presenti in tutta Italia (nella foto un esempio tratto dal sito della Regione Piemonte). Recentemente sono partiti anche alcuni supermercati della capitale e, a giudicare di primi dati, sembra che i distributori di detersivi piacciono ai romani.
Nei primi 7 giorni di attività del sistema di vendita di detersivi alla spina in un solo ipermercato di via Tiburtina sono stati erogati ben 2.982 litri di prodotto.
Secondo Filiberto Zaratti, Assessore all'ambiente della Regione Lazio, questo ha comportato il risparmio di 753 kwh d'energia e di 120.000 litri di acqua, nonché la non emissione di 67,3 chili di anidride carbonica in atmosfera.
A quando l'avvio di questa buona pratica anche in provincia di Teramo?

Aree naturali protette 2

Continuiamo la presentazione della mostra WWF sulle aree naturali protette. La prima puntata è stata "postata" il 5.4.08.

18.4.08

Riduzione dei rifiuti

Domani, sabato 19 aprile, dalle ore 9:30 presso la Sala del Teatro del Centro Polifunzionale di Pineto si terrà la Tavola Rotonda "La riduzione della produzione dei rifiuti: una strategia possibile".
L'incontro, organizzato dalla Regione Abruzzo e dal CONAI (Consorzio per il recupero degli imballaggi), mira ad avviare un confronto sulle politiche per una buona gestione integrata dei rifiuti che devono prevedere, accanto alla diffusione di sistemi di raccolte differenziate, concrete azioni di riduzione della produzione dei rifiuti.

17.4.08

Torna il Fratino Day

Tra la sabbia spunta il Fratino.
Questo fine settimana torna il censimento di una delle specie simbolo del litorale.
Si rinnova l'appello del WWF: non rompete... le uova al Fratino.
Volontari e ricercatori percorreranno centinaia di chilometri di costa per monitorare il Fratino, un piccolo uccello migratore che nidifica nei tratti meno danneggiati del litorale della Regione.

Un fine-settimana dedicato al simbolo naturalistico delle spiagge, il Fratino. Il piccolo uccello sarà oggetto del consueto censimento organizzato come ogni anno dal WWF Abruzzo e dai ricercatori della Stazione Ornitologica Abruzzese.
Questa importante iniziativa, che coniuga ricerca e conservazione, è diventato un appuntamento fisso per gli ornitologi e dall’anno scorso si è allargata ad altre zone d’Italia grazie alla partecipazione di molti altre gruppi di ornitologi.
Quest’anno si conta di superare i 500 chilometri di costa monitorati, viste le adesioni nelle Marche, nel Lazio, nel Molise e in parte di Puglia, Toscana e Veneto: sono state avviate collaborazioni con LIPU Venezia, Gruppo Ornitologico Maremmano - COT Provincia di Grosseto, GAROL, Studio Diatomea, WWF Marche, WWF Lazio, WWF Molise, Oasi WWF Padule di Bolgheri, Centro Studi Naturalistici di Foggia.
Il Fratino è una specie migratrice tutelata a livello internazionale. Negli anni scorsi si è registrata la presenza della specie in alcuni dei tratti di litorale meglio conservati. La maggiore densità (coppie per km lineare di spiaggia) è stata riscontrata in due siti, la Torre di Cerrano in provincia di Teramo ed il tratto di spiaggia davanti alla stazione di Tollo in provincia di Chieti. Altre zone importanti sono la costa di Vasto e quella di Martinsicuro. La specie manca del tutto in Provincia di Pescara, sebbene vi siano ampi tratti di spiaggia, a testimonianza dell’insostenibilità completa del modello di sfruttamento della spiaggia in questo tratto di costa. Purtroppo anche quest’anno, nonostante la Regione Abruzzo abbia finalmente incluso la tutela della specie nell’ordinanza balneare 2008, si è già verificata la distruzione di nidi e uova a causa delle attività di alterazione dell’arenile connesse ai lavori di pulizia e livellamento delle spiagge. Il Fratino è, al pari di tutte le altre presenti negli arenili e nelle dune, estremamente vulnerabile e risente molto del disturbo antropico.
WWF e Stazione Ornitologica Abruzzese lanciano un appello per la tutela di questa e di tutte le specie animali e vegetali della spiaggia. Grazie alle segnalazioni del Fratino Day dello scorso anno, la Regione Abruzzo ha dato un primo segnale per la tutela di questa specie. Ora comuni e balneatori devono trasformare queste indicazioni in azioni reali di tutela.
Il litorale abruzzese è uno dei più cementificati d’Italia, con circa l’89% della sua lunghezza complessiva urbanizzato. Serve una vera e propria rivoluzione nella gestione della costa perché si possa realmente un riequilibrio del territorio a favore della natura.

13.4.08

30 aprile - 4 maggio: Escursione all'ombra dell'Etna

La prossima tappa del programma escursionistico 2008 ci porta in Sicilia dal 30 aprile al 4 maggio 2008.
Ecco una breve descrizione del programma della gita, ricordandovi che vi potranno essere modifiche per eventuali imprevisti e che per ulteriori informazioni o per iscrizioni ci si può rivolgere alla nostra sede scrivendo una email a teramo@wwf.it.
30 aprile: Partenza in pullman dalle varie località. Pranzo al sacco presso Castello Svevo di Roseto Capo Spulico (CS) sulla costa ionica calabrese. Eventuale visita del castello (se compatibile con i tempi del viaggio). Visita del centro storico di Tropea e breve escursione nella zona di Capo Vaticano. Sistemazione in hotel 3 stelle a Capo Vaticano.
1 maggio: Colazione e partenza con traversata in traghetto Villa San Giovanni-Messina. Pranzo al sacco a carico dei partecipanti (l’organizzazione metterà a disposizione come ormai consuetudine una fornitura di prodotti tipici abruzzesi composta da salumi e formaggi). Visita guidata delle Gole dell’Alcantara. Sosta a Taormina. Cena e pernottamento presso l’Hotel Perla Ionica (3 stelle) ad Acireale.
2 maggio: Escursione guidata nel Parco Regionale dell’Etna: sentiero Rifugio Vitelli-Bosco Ragamo (durata circa 6 ore: facile). Possibilità di raggiungere le quote più elevate (se le condizioni meteo-ambientali lo consentiranno) tramite funivia o altri mezzi meccanici con quote da saldare individualmente. Per chi non volesse visitare l’Etna, possibili visite alle cittadine limitrofe oppure al mare. Pranzo al sacco fornito dall’albergo, a carico dell’organizzazione. Rientro in albergo. Cena. Visita dei centri costieri di Acitrezza e di Aci Castello. Pernottamento presso l’Hotel Perla Ionica ad Acireale.
3 maggio: Visita guidata storico naturalistica della Necropoli di Pantalica. Pranzo al sacco fornito dall’albergo, a carico dell’organizzazione. Trasferimento a Palermo con imbarco alle ore 17.30. Ore 20.30 si salpa. Sistemazione in cabine quadruple con bagno o in poltrone. Cena sulla nave a carico dei singoli partecipanti.
4 maggio: Arrivo a Napoli h. 6.30. Colazione libera. Visita di Napoli (piazza Municipio, Posillipo, Marechiaro). Pranzo in ristorante convenzionato. Visita guidata di Caserta Vecchia. Rientro da Pescara Ovest, Mosciano Sant’Angelo A14, San Benedetto, Teramo.

12.4.08

Speciale Orso

Vi segnaliamo un interessante speciale su Repubblica TV, dedicato alla tutela degli Orsi in Italia.

Il Tordino dall'alto

Oggi attraverso Google Earth o Visual Pagine Gialle o il Portale Cartografico Nazionale è possibile, per tutti, osservare gratuitamente i cambiamenti e le modifiche arrecate dall'uomo all'ambiente (figuriamoci per gli Enti preposti al controllo cosa offre la tecnologia quando vogliono e sono in grado di utilizzarla!)
Questo è un piccolo esempio di come si presentava il Tordino alla data compresa tra il 4 e 7 luglio 2007 osservando le immagini fornite da Visual Pagine Gialle. Il periodo è stato ricavato poichè nella stessa serie di foto si vede il campo della Coppa Interamnia in Piazza Martiri.
Il cambiamento di colore del fiume nella confluenza con gli scarichi del depuratore è evidente, al pari della poca acqua trasportata (come può esservi Minimo Deflusso Vitale?) e dei tratti il substrato argillo-marnoso che affiorano per mancanza di apporto solido con conseguente incisione dell'alveo attivo.
In generale il fiume a monte anche del centro cittadino presenta un colore verdastro a valle degli scarichi del depuratore per molti chilometri il colore dell'acqua è nerastro.
Ricordiamo per il deputare di Teramo ha scaricato per anni nel Tordino al di fuori dei limiti di legge e senza l'autorizzazione dovuta (negata dall'Amminsitrazione Provinciale proprio per il non rsipetto dei limiti): da molto tempo va avanti un'inchiesta della megistratura e speriamo che prima o poi arrivi a qualcosa. Recentemente il deputare è stato adeguato.

Corso di formazione per animatori

Quinto corso di formazione per animatori di Campi Avventura
Cortino (TE) - Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
10-11 maggio 2008
Programma
Sabato 10 maggio: I campi avventura, le principali caratteristiche ed particolari attività, il ruolo ed i compiti dell’animatore WWF e del capo campo, le responsabilità dell’animatore.
Mattina (inizio ore 10:00)
Accoglienza e attività di conoscenza. Il WWF e la sua mission. I Campi Avventura del WWF (attività turistiche ed educative che aderiscono alla carta di qualità del WWF Italia che ne controlla l’applicazione): caratteristiche ed obiettivi e metodo.La carta di qualità lavoro di gruppo.
Pranzo.
Pomeriggio (inizio ore 15:00)
L’animatore dei Campi Avventura: ruolo e compiti. Lavoro a gruppi in cui i partecipanti delineano, a loro giudizio, le caratteristiche dell’animatore.
Pausa caffè.
Confronto e conclusioni dei conduttori. Il responsabile del Campo: ruolo e compiti.
Cena.
Chiacchierata sulle attività serali.
Domenica 11 maggio: La struttura del Campo Avventura. Il modello di una pratica educativa fondata sui principi del rispetto e della responsabilità. Le tipiche attività nei campi. Le linee guida educative dei Campi Avventura a sintesi finale del corso di formazione.
Mattina (inizio ore 9:30)
Linee generali dei campi. La struttura di un campo, strumenti, attività e metodo.
Pausa caffè.
Le attività nei campi WWF.
Pranzo.
Pomeriggio (inizio ore 15:00)
Approfondimento dei temi trattati attraverso gli interventi dei partecipanti (domande, problemi, dubbi, ecc.). Verifica corso e calendario dei nuovi impegni.
Per poter partecipare è necessario: richiedere a pachamama@katamail.com la scheda di ammissione, compilarla e rinviarla, insieme ad un curriculum vitae, entro e non oltre il 30 aprile 2008.
L’invio della richiesta non dà diritto alla partecipazione al corso.
Gli ammessi saranno avvisati entro il 5 maggio, una volta effettuata la selezione dei curricula.
La partecipazione al corso costa 30 euro che verranno rimborsate a coloro che saranno selezionati e collaboreranno effettivamente ai campi estivi.
È necessario essere iscritti al WWF (è possibile iscriversi direttamente al corso).
L’appuntamento è fissato per le 9:00 del 10 maggio presso l’ostello Abete Bianco di Cortino (TE).
Ulteriori informazioni: Coop. Pacha Mama - e-mail: pachamama@katamail.com - tel. 0861.212715 - fax: 0861.217283.

9.4.08

Concorso "Pubblicità naturale": i vincitori!







Questa mattina, mercoledì 9 aprile, presso la sala consiliare del Comune di Teramo, sono state premiate le classi vincitrici del concorso "Pubblicità Naturale", organizzato dal WWF di Teramo, con la collaborazione dell'Amministrazione Provinciale di Teramo e della Cooperativa Pacha Mama.
Il concorso, rivolto a tutte le scuole primarie e secondarie della provincia di Teramo, ha visto la partecipazione di oltre 40 classi di gran parte dei Comuni teramani.
Tutti i lavori delle classi partecipanti sono stati esposti presso la sala espositiva del Comune di Teramo dal 4 al 9 aprile.
La giuria che ha assegnato i premi era composta da: Eugenio Mucciconi di Arancio & Co., Fausto Pompilii, Presidente Coop. Pacha Mama, Giovanni Corrieri, esperto d'arte già Preside di Licei Artistici, Claudio Calisti, Responsabile provinciale del WWF Teramo, e Dante Caserta, Presidente del WWF Abruzzo.
Questi i vincitori.
Scuole Primarie:
1°: Classe V della Scuola di Torrio di Notaresco;
2°: Classi V Sezione A e V Sezione B della Scuola di Isola del Gran Sasso;
3°: Classe V Sezione B della Scuola Noè Lucidi di Teramo.
Scuole Secondarie:
1°: Classe III Sezione E della Scuola Savini di Teramo;
2°: Classe III Sezione A della Scuola di Colonnella;
3°: Classe II Sezione E della Scuola Savini di Teramo.

8.4.08

Importante segnalazione alla Torre di Cerrano

Adriano De Ascentiis, amico del nostro blog, nonché coordinatore dell'Oasi WWF dei Calanchi di Atri, ci segnala un'importante presenza floristica alla Torre di Cerrano, nel Comune di Pineto.
Nel 2005 e nel 2006 a seguito di alcuni sopralluoghi effettuati sulla fascia privata ubicata subito a sinistra dell’uscita a mare del sottopasso del lido Eucaliptus è stata rilevata la presenza in situ di una densa popolazione di Romulea rollii (zafferanetto delle spiagge), specie considerata estinta per il litorale di Pineto e per la fascia costiera teramana.
Tale presenza venne confermata dal Prof. Gianfranco Pirone nel 2006 a seguito del sopralluogo effettuato per il sequestro amministrativo dell’area di spiaggia antistante.
La Romulea rolii o zafferanetto di Rolli è una piccola pianta appartenente alla famiglia delle Iridaceae, di cui fanno parte anche i più noti zafferani (Crocus sp). Il nome è dovuto alla dedica da parte del botanico romano Parlatore all'amico e collega Rolli. Il nome del genere, deriva da Romolo, fondatore di Roma. La fioritura di questa piccola pianta avviene fra febbraio e marzo e il fiore che emerge delicatamente dalla sabbia, si presenta a stella, bianco o appena venato di viola internamente, esternamente è verde. L'habitat di questa specie è costituito da zone retrodunali poco frequentate e da litorali sabbiosi dell'area mediterranea.
La presenza dello zafferanetto di Rolli in Italia è molto frammentaria: lo troviamo sulle coste del tirreno dalla Toscana fino alla Campania settentrionale, sull’isola d’Elba, in Sicilia e in Sardegna. Per il litorale adriatico sono state individuate poche stazione, dalle Marche alla Puglia.
Secondo l’I.U.C.N. (Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) nelle Marche risulta estinta in natura, in Toscana viene considerata a basso rischio, in Lazio ed Abruzzo (dove è segnalata per la Pineta d’Avalos) è considerata minacciata, mentre in Molise è ritenuta vulnerabile.
Nell’area della Torre di Cerrano, inoltre, si osserva la presenza di una densissima popolazione a Verbascum niveum subs. garganicum (specie protetta dalla L.R. 11 settembre 1979, n°45) e di moltissime altre entità vegetazionali di interesse floristico.

5.4.08

Aree naturali protette 1

Cosa vogliamo che siano le aree naturali protette?
Sono anni che in Italia tecnici, studiosi, amministratori e semplici appassionati si confrontano su questa domanda.
Se negli Anni '80 in Italia si lavorava per aumentare la percentuale di territorio protetto, oggi - raggiunto e superato l'obiettivo del 10% di territorio nazionale tutelato - si discute su cosa effettivamente debbano rappresentare i parchi e le riserve naturali.
Il WWF ha realizzato tante mostre su questo tema e da oggi, iniziamo a pubblicare dei semplici pannelli che forniscono qualche spunto di riflessione.
Nei prossimi giorni ne pubblicheremo altri, ma ovviamente aspettiamo contributi e riflessioni al solito indirizzo: teramo@wwf.it.

4.4.08

Domenica 6 aprile: Escursione ad Anversa degli Abruzzi

Seconda escursione del programma escursionistico del WWF di Teramo che quest’anno prevede ben 14 diverse mete, alcune del quali anche fuori d’Italia.
La prossima escursione si svolgerà domenica 6 aprile ed avrà come meta una della riserve naturali più importanti della nostra regione: l’Oasi delle Gole del Sagittario nel Comune di Anversa degli Abruzzi (AQ).
Le Gole del Sagittario sono note anche fuori dell’Abruzzo per la loro importanza naturalistica e la bellezza paesaggistica. Le gole sono il risultato dell’azione erosiva svolta nei secoli dal fiume Sagittario attraverso imponenti strati di roccia calcarea.
L’area, Oasi WWF dal 1991, è diventata riserva regionale nel 1997 e comprende tipologie ambientali molto varie: rupi e ghiaioni calcarei, prati aridi, boschi e praterie di alta quota.
Nell’area vivono ancora lupi ed orsi che qui fanno registrare un numero di avvistamenti secondo solo a quello del Parco nazionale d’Abruzzo.
Eccezionale la presenza floristica e vegetazionale, con numerose specie rare ed endemiche come il fiordaliso del Sagittario.
All’interno della riserva è presente un giardino botanico con oltre 300 specie di piante.
All’imbocco delle gole, in un ambiente selvaggio e dirupato, sorge il centro abitato più importante: Anversa degli Abruzzi che conserva resti del castello medioevale con la torre diroccata ed al suo interno interessanti esempi di architettura religiosa.
Per informazioni sul programma ed iscrizioni all’escursione, scrivere a teramo@wwf.it.

Mostra per la "Pubblicità naturale"

Domani, sabato 5 aprile, alle ore 10 si aprirà, presso la sala espositiva del Comune di Teramo in via Nicola Palma, la mostra dei lavori realizzati dalle classi partecipanti al concorso di educazione ambientale della Sezione WWF “Pubblicità naturale!”.
La mostra resterà aperta dalle ore 10 alle ore 13 e della ore 16 alle ore 19 tutti i giorni fino a martedì 8 aprile.
Il concorso, organizzato con il contributo della Cooperativa Pacha Mama e dell’Assessorato all’ambiente della Provincia di Teramo, era rivolto alle scuole elementari e medie inferiori della provincia di Teramo.
Scopo del concorso era quello di promuovere tra studenti ed insegnanti una riflessione sui temi della tutela dell’ambiente, della natura e della biodiversità attraverso l’ideazione e la creazione di una campagna pubblicitaria.
Lanciato all’inizio dell’anno scolastico, il concorso ha visto l’adesione di oltre 40 classi di molti comuni teramani: più di 1.000 studenti, insieme ai loro insegnanti, hanno lavorato realizzando manifesti, locandine, poster che “pubblicizzano” la tutela dell’ambiente naturale.
Una giuria, composta da rappresentati del mondo della scuola, del mondo della comunicazione pubblicitaria e del WWF, ha individuato le classi vincitrici che avranno come premio una vacanza verde in un’area protetta abruzzese. Altri premi minori saranno assegnati alle classi partecipanti.
La premiazione si svolgerà mercoledì 9 aprile alle ore 10.30 presso la sala consiliare del Comune di Teramo in piazza Orsini.